[47767] Sundance Film Festival Unveils 2014 Premieres Lineup

Anton Corbijn's "A Most Wanted Man" is among a particularly strong group of narrative and documentary features debuting at this year's fest.Anton Corbijn's A Most Wanted Man is among a particularly strong group of narrative and documentary features premiering at the 2014 Sundance film Festival. Celebrating its 30th anniversary, the festival on Monday unveiled this year's lineup of premieres, which also will include the Michael Fassbender starrer Frank, Lynn Shelton's coming-of-age comedy Laggies featuring Keira Knightley in the role that Anne Hathaway famously abandoned and David Wain's send-up of the roMantic comedy genre They Came Together, starring Amy Poehler and Paul Rudd. PHOTOS: Sundance's Greatest Hits: The Movies That Broke Through A Most Wanted Man has been generating heat thanks to the source material (John le Carre's best-selling thriller) and a cast that includes Philip Seymour HoffMan, Rachel McAdams, Robin Wright and Willem Dafoe. Documentaries include Alex Gibney's Finding Fela, about the late Afrobeat pioneer and huMan rights activist Fela Anikulapo Kuti, and a look at the Penn State college football program's pedophilia scandal, Happy Valley, as well as films about Mitt Romney and James "Whitey" Bulger. STORY: Sundance film Festival Unveils 2014 Competition Lineup "The Premieres and Documentary Premieres sections of the 2014 Sundance film Festival feature new work from Many established independent filmmakers who began their careers at our festival years ago, which allows us to reflect on the impact, legacy and growth of the independent film movement over the past 30 years," Sundance film Festival director John Cooper said. Added director of programming Trevor Groth: "In Many of the films selected for our 2014 Sundance film Festival, we see fascinating characters and subjects throughout. Whether portrayed by recognized actors taking on more challenging and diverse roles or in the stranger-than-fiction reality of our documentaries, we look forward to sharing these incredible stories with audiences at our festival." The festival runs from Jan. 16-26 in Park City, Salt Lake City, Ogden and Sundance, Utah. Sundance already announced films in the U.S. and World Competition, NEXT, Spotlight, Park City at Midnight, New Frontier and Sundance Kids sections. On Tuesday, the festival will unveil its Shorts lineup. PREMIERES Calvary / Ireland, United Kingdom (Director and screenwriter: John Michael McDonagh)—Calvary is a blackly comedic drama about a priest tormented by his community. Father James is a good Man intent on making the world a better place. When his life is threatened one day during confession, he finds he has to battle the dark forces closing in around him. Cast: Brendan Gleeson, Chris O'Dowd, Kelly Reilly, Aidan Gillen, Dylan Moran, Marie-Josée Croz. Frank / Ireland, United Kingdom (Director: Lenny Abrahamson, Screenwriters: Jon Ronson, Peter Straughan) — Frank is an offbeat comedy about a wannabe musician who finds himself out of his depth when he joins an avant garde rock band led by the enigmatic Frank—a musical genius who hides himself inside a large fake head. Cast: Michael Fassbender, Domhnall Gleeson, Maggie Gyllenhaal, Scoot McNairy. Hits / U.S.A. (Director and screenwriter: David Cross) — A small town in upstate New York is populated by people who wallow in unrealistic expectations. There, fame, delusion, earnestness, and recklessness meet, shake hands, and disrupt the lives around them. Cast: Meredith Hagner, Matt Walsh, James Adomian, Jake Cherry Derek Waters, Wyatt Cenac. I Origins / U.S.A. (Director and screenwriter: Mike Cahill)—A molecular biologist and his lab partner uncover startling evidence that could fundamentally change society as we know it and cause them to question their once-certain beliefs in science and spirituality. Cast: Michael Pitt, Brit Marling, Astrid Bergès-Frisbey, Steven Yeun, Archie Panjabi. Laggies / U.S.A. (Director: Lynn Shelton, Screenwriter: Andrea Seigel)—Laggies is a coming of age story about a 28-year-old woMan stuck in perManent adolescence. Unable to find her career calling, still hanging out with the same friends, and living with her high school boyfriend, Megan must finally navigate her own future when an unexpected marriage proposal sends her into a panic. Cast: Keira Knightley, Sam Rockwell, Chloë Grace Moretz, Ellie Kemper, Jeff Garlin, Mark Webber. Little Accidents / U.S.A. (Director and screenwriter: Sara Colangelo) —In a small American coal town living in the shadow of a recent mining accident, the disappearance of a teenage boy draws three people together—a surviving miner, the lonely wife of a mine executive, and a local boy—in a web of secrets. Cast: Elizabeth Banks, Boyd Holbrook, Chloë Sevigny, Jacob Lofland, Josh Lucas. Love Is Strange / U.S.A. (Director: Ira Sachs, Screenwriters: Ira Sachs, Mauricio Zacharias)—After 39 years together, Ben and George finally tie the knot, but George loses his job as a result, and the newlyweds must sell their New York apartment and live apart, relying on friends and family to make ends meet. Cast: John Lithgow, Alfred Molina, Marisa Tomei, Darren Burrows, Charlie Tahan, Cheyenne Jackson. A Most Wanted Man / GerMany, U.S.A. (Director: Anton Corbijn, Screenwriter: Andrew Bovell) — Based on John le Carré's bestselling book, Anton Corbijn directs this modern-day thriller with Academy Award–winning actor Philip Seymour HoffMan, Rachel McAdams, Robin Wright, and two-time Academy Award nominee Willem Dafoe headlining an ensemble cast. Cast: Philip Seymour HoffMan, Rachel McAdams, Willem Dafoe, Robin Wright. Nick OfferMan: American Ham / U.S.A. (Director: Jordan Vogt-Roberts, Screenwriter: Nick OfferMan) —WARNING: MINOR NUDITY AND NOT SUITABLE FOR VEGETARIANS. This live taping of Nick OfferMan's hilarious one-Man show at New York's historic Town Hall theater features a collection of anecdotes, songs, and woodworking/oral sex techniques. The routine includes OfferMan's 10 tips for living a more prosperous life, so hearken well. Cast: Nick OfferMan. The One I Love / U.S.A. (Director: Charlie McDowell, Screenwriter: Justin Lader) — Struggling with a marriage on the brink of falling apart, a couple escapes for the weekend in pursuit of their better selves, only to discover an unusual dilemma waiting for them. Cast: Mark Duplass, Elisabeth Moss, Ted Danson. The Raid 2 / Indonesia (Director and screenwriter: Gareth Evans) — Picking up where the first film left off, The Raid 2 follows Rama as he goes undercover and infiltrates the ranks of a ruthless Jakarta crime syndicate in order to protect his family and expose the corruption in his own police force. Cast: Iko Uwais, Yayan Ruhian, Arifin Putra, Oka Antara, Tio Pakusadewo, Alex Abbad. Rudderless / U.S.A. (Director: William H. Macy, Screenwriters: Casey Twenter, Jeff Robison, William H. Macy) — When a grieving father in a downward spiral stumbles upon a box of his deceased son's original music, he forms a rock 'n' roll band, which changes his life. Cast: Billy Crudup, Anton Yelchin, Felicity HuffMan, Selena Gomez, Laurence Fishburne, William H. Macy. CLOSING NIGHT film They Came Together / U.S.A. (Director: David Wain, Screenwriters: Michael Showalter, David Wain)—This subversion/spoof/deconstruction of the roMantic comedy genre has a vaguely, but not overtly, Jewish leading Man, a klutzy, but adorable, leading lady, and New York City itself as another character in the story. Cast: Amy Poehler, Paul Rudd, Ed Helms, Cobie Smulders, Max Greenfield, Christopher Meloni. The Trip to Italy / United Kingdom (Director: Michael Winterbottom, Screenwriters: Rob Brydon, Steve Coogan, Michael Winterbottom)—Michael Winterbottom reunites Steve Coogan and Rob Brydon for more delectable food, some sharp-elbowed rivalry, and plenty of laughs. Cast: Steve Coogan, Rob Brydon. The Voices / U.S.A., GerMany (Director: Marjane Satrapi, Screenwriter: Michael Perry) —This genre-bending tale centers around Jerry Hickfang, a lovable but disturbed factory worker who yearns for attention from a woMan in accounting. When their relationship takes a sudden, murderous turn, Jerry's evil talking cat and benevolent talking dog lead him down a fantastical path where he ultimately finds salvation. Cast: Ryan Reynolds, Gemma Arterton, Anna Kendrick, Jacki Weaver. White Bird in a Blizzard / U.S.A. (Director and screenwriter: Gregg Araki)—Based on the acclaimed novel by Laura Kasischke, White Bird in a Blizzard tells the story of Kat Connors, a young woMan whose life is turned upside down by the sudden disappearance of her beautiful, enigmatic mother. Cast: Shailene Woodley, Eva Green, Christopher Meloni, Shiloh Fernandez, Gabourey Sidibe, Thomas Jane. Young Ones / U.S.A. (Director and screenwriter: Jake Paltrow)—When a series of events is set into motion, altering his young life forever, Jerome is forced to make choices that no child should ever have to make. Cast: Michael Shannon, Nicholas Hoult, Elle Fanning, Kodi Smit-McPhee. DOCUMENTARY PREMIERES The Battered Bastards of Baseball / U.S.A. (Directors: ChapMan Way, Maclain Way)— Hollywood veteran Bing Russell creates the only independent baseball team in the country—alarming the baseball establishment and sparking the meteoric rise of the 1970s Portland Mavericks. Finding Fela / U.S.A. (Director: Alex Gibney)— Fela Anikulapo Kuti created the musical movement Afrobeat and used it as a political forum to oppose the Nigerian dictatorship and advocate for the rights of oppressed people. This is the story of his life, music, and political importance. Freedom Summer / U.S.A. (Director: Stanley Nelson) — In the summer of 1964, more than 700 students descended on violent, segregated Mississippi. Defying authorities, they registered voters, created freedom schools, and established the Mississippi Freedom Democratic Party. Fifty years later, eyewitness accounts and never-before-seen archival material tell their story. Not all of them would make it through. Happy Valley / U.S.A. (Director: Amir Bar-Lev)— The children of "Happy Valley" were victimized for years, by a key member of the legendary Penn State college football program. But were Jerry Sandusky's crimes an open secret? With rare access, director Amir Bar-Lev delves beneath the headlines to tell a modern American parable of guilt, redemption, and identity. Last Days in Vietnam / U.S.A. (Director: Rory Kennedy) — During the chaotic final weeks of the Vietnam War, the North Vietnamese Army closes in on Saigon as the panicked South Vietnamese people desperately attempt to escape. On the ground, American soldiers and diplomats confront a moral quandary: whether to obey White House orders to evacuate only U.S. citizens. Life Itself / U.S.A. (Director: Steve James) — Life Itself recounts the surprising and entertaining life of renowned film critic and social commentator Roger Ebert. The film details his early days as a freewheeling bachelor and Pulitzer Prize winner, his famously contentious partnership with Gene Siskel, his life-altering marriage, and his brave and transcendent battle with cancer. Mitt / U.S.A. (Director: Greg Whiteley) — A filmmaker is granted unprecedented access to a political candidate and his family as he runs for President. This May Be the Last Time / U.S.A. (Director: Sterlin Harjo)— filmmaker Sterlin Harjo's Grandfather disappeared mysteriously in 1962. The community searching for him sang songs of encouragement that were passed down for generations. Harjo explores the origins of these songs as well as the violent history of his people. To Be Takei / U.S.A. (Director: Jennifer Kroot)—Over seven decades, actor and activist George Takei journeyed from a World War II internment camp to the helm of the Starship Enterprise, and then to the daily news feeds of five million Facebook fans. Join George and his husband, Brad, on a wacky and profound trek for life, liberty, and love. We Are the Giant / U.S.A., United Kingdom (Director: Greg Barker) — We Are The Giant tells the stories of ordinary individuals who are transformed by the moral and personal challenges they encounter when standing up for what they believe is right. Powerful and tragic, yet inspirational, their struggles for freedom echo across history and offer hope against seemingly impossible odds. WHITEY: United States of America v. James J. Bulger / U.S.A. (Director: Joe Berlinger) — Infamous gangster James "Whitey" Bulger's relationship with the FBI and Department of Justice allowed him to reign over a criminal empire in Boston for decades. Joe Berlinger's documentary chronicles Bulger's recent sensational trial, using it as a springboard to explore allegations of corruption within the highest levels of law enforcement. Email: Tatiana.Siegel@THR.com
Twitter: @TatianaSiegel27
    


Fonte » www.hollywoodreporter.com - 10/12/2013 00:09


Risultati simili che abbiamo trovato nel nostro database

Keywords usate per la ricerca: sundance [X], festival [X], unveils [X], premieres [X], lineup [X],

Clicca sulla X accanto alla parola per escluderla dalla ricerca.

[152690] Berlin: Festival Announces Selections for Perspektive Deutsches Kino Sidebar


Tom Sommerlatte's debut feature 'Summers Downstairs' will open the section devoted to new GerMan cinema read more




Fonte » www.hollywoodreporter.com - 13/01/2015 00:16


[152686] David O. Russell Accidentally Uses Profanity While Thanking Capri Festival Crowd


The director, whose father speaks fluent Italian, should brush up on his foreign-language skillsread more




Fonte » www.hollywoodreporter.com - 13/01/2015 00:16


[152592] Off the Wall, una selezione speciale al Trieste Film Festival 2015

[152592] Off the Wall, una selezione speciale al Trieste Film Festival 2015 | Film UpdateOff the Wall è un progetto finanziato dal programma europeo ‘audience development’ di Europa Creativa e ideato da una rete di festival di cui anche il Trieste film Festival fa parte, assieme ad altri 6 festival (REC Tarragona - Spagna, A l'Est du Nouveau - Rouen, Francia, Tallinn Black Nights film Festival - Estonia, Espo Cine IFF - Helsinki, Finlandia, in collaborazione con Northern film Festival - Leeuwarden, Paesi Bassi, e IFF Kratkofil Plus - Banja Luka, Bosnia Erzegovina. Una selezione di film recenti realizzati da giovani cineasti provenienti dai paesi dell'Europa dell'Est parteciperanno a sette festival europei e faranno sosta anche a Trieste il 12 gennaio 2015 al Cinema dei Fabbri. A Trieste verranno presentati 3 film: WSZYSTKO CO KOCHAM (All that I Love / Tutto cio' che amo) di Jacek Borcuch, Polonia, 2009 / distribuzione internazionale Wide (candidato polacco agli Oscar come miglior film Straniero 2010). Polonia 1981: dietro la cortina di ferro, Janek, il figlio adolescente di un capitano della marina, forma gli ATIL (All That I Love), una band punk-rock le cui canzoni esprimono la delusione per il socialismo e un desiderio di libertà che fa eco alle idee del nuovo movimento “Solidarietà” (Solidarnosc). Allo stesso tempo, Janek trova l’amore in Basia, una giovane donna il cui padre fa parte del movimento e disapprova Janek, a causa dei numerosi militari presenti della sua famiglia. Con la crescente agitazione sociale e l’introduzione della legge marziale, Janek e la musica degli ATIL provocheranno gravi problemi tra i familiari e gli amici. THIS AIN’T CALIFORNIA (GerMania, 2012, 90') di Martin Persiel: un viaggio all’interno del mondo sconosciuto e bizzarro dei ‘Rollbrettfahrer’, come erano conosciuti gli skaters nell’ex GerMania dell’Est, giovani ribelli per cui la voglia di libertà diventa -grazie a uno skateboard- stile di vita. (http://www.thisaintcalifornia.de/en/about-movie) FIGLIO DI NESSUNO (Ničije dete / No one's child) di Vuk Rsumovic, Serbia/Croazia, 2014 – vincitore SettiMana Internazionale della Critica di Venezia 2014 - sara' distribuito in Italia nel 2015 da Cineclub Internazionale Distribuzione. Nella primavera del 1988, fra le montagne della Bosnia, viene ritrovato un bambino cresciuto fra i lupi. Gli viene dato il nome di Haris e viene inviato in Serbia, all’orfanotrofio di Belgrado, dove è affidato alle cure di Ilke. Qui diventa amico inseparabile del piccolo Žika e, col tempo, impara a pronunciare le sue prime parole. Ma nel 1992, nel pieno della guerra, le autorità locali lo costringono a tornare in Bosnia, dove viene armato di fucile e spedito al fronte. E una notte, per la prima volta nella sua vita, il ragazzo prende una decisione tutta sua.

Fonte » www.cinemaitaliano.info - 13/01/2015 00:12


[152296] TRIESTE FILM FESTIVAL 26 - Dal 16 al 22 gennaio

[152296] TRIESTE FILM FESTIVAL 26 - Dal 16 al 22 gennaio | Film UpdateTorna il Trieste film Festival, il principale appuntamento italiano con il cinema dell'Europa centro-orientale. Giunta alla sua ventiseiesima edizione, la rassegna, diretta da Annamaria Percavassi e Fabrizio Grosoli, dopo l'affollata edizione 2014, si allunga di un giorno. I luoghi del festival saranno ancora il Teatro Miela e l'ampia Sala Tripcovich di Largo Santos. Il programma, come di consueto, darà spazio ai tradizionali concorsi internazionali (lungometraggi, cortometraggi, documentari), a eventi speciali, omaggi e incontri (quelli con il pubblico e la stampa si terranno all'Antico Caffè San Marco). Tra gli ospiti del festival, Krzysztof ZANUSSI, che terrà un'attesa masterclass il 18 gennaio e presenterà a Trieste in anteprima italiana il suo ultimo film "OBCE CIAŁO" ("Corpo estraneo / Foreign Body"), un dramma psicologico che è anche sguardo sulla Polonia contemporanea, una coproduzione italiana girata in parte nel nostro Paese. Ad aprire il festival sarà il 16 gennaio alla Sala Tripcovich "DVE ŽENŠČINY" ("Due donne / Two Women"), della regista russa Vera Glagoleva, interpretato dal celebre attore inglese Ralph Fiennes (il Voldemort di Harry Potter e M negli ultimi 007, protagonista anche di Strange Days, Red Dragon, Grand Budapest Hotel) e dall'attrice francese Sylvie Testud. Il film, un'anteprima internazionale, è una sontuosa produzione in costume, ed è tratto dalla pièce teatrale di Turgenev “Un mese in campagna”. Ci immerge nella Russia di metà Ottocento, nella tenuta di un ricco proprietario terriero, dove un amico di famiglia torna da un viaggio all'estero, ma viene ignorato. Tutti sono presi dal nuovo insegnante privato, recentemente assunto. Due donne sono subito cadute preda del suo fascino: Natal'ja e Vera, la sua figliastra. Natal'ja sta per compiere trent'anni ed è stata una moglie e madre devota, ma la sua vita è ora sconvolta da un turbine di amore e gelosia. Nucleo centrale del programma riMangono i tre concorsi internazionali che ogni anno fanno il punto sulla produzione più interessante dei paesi di riferimento del festival. E anche quest'anno i premi al Miglior lungometraggio, al Miglior cortometraggio e al Miglior documentario saranno attribuiti dal pubblico. Nel CONCORSO INTERNAZIONALE LUNGOMETRAGGI (tutti titoli in anteprima italiana) ci sono "UROK" ("La lezione / The Lesson") dei registi bulgari Kristina Grozeva e Petar Valchanov, premiato in molti festival internazionali (tra cui San Sebastian) che racconta di Nadežda, giovane insegnante che cerca di trasmettere ai suoi studenti valori cui nella vita privata fatica a tenere fede; e "SIMINDIS KUNDZULI" ("L’isola del granturco / Corn Island") di George Ovashvili, che ha vinto il Grand Prix e il Premio della Giuria Ecumenica al Festival di Karlovy Vary 2014 ed è nella short list del miglior film straniero ai prossimi premi Oscar. Il fiume Inguri segna il confine tra la Georgia e la Repubblica di Abcasia: le tensioni tra le due nazioni non sono mai diminuite dalla guerra del 1992-93, e la storia del film comincia quando un vecchio contadino abcaso arriva su una delle isole, che diventa uno dei personaggi... "VIKTORIA" di Maya Vitkova (altra cineasta bulgara, a conferma del momento felice che il cinema vive in Bulgaria) è stato presentato al Sundance Festival, storia paradigmatica di una bambina, racconta la regista, “nata senza cordone ombelicale – e dunque senza legame con la madre che gli ha dato la vita – come chiara indicazione di perdita del legame con la nostra parte più intima”. "VARVARI" ("Barbari / Barbarians") di Ivan Ikić, girato con attori non professionisti, ha ricevuto una menzione speciale all'ultimo Festival di Karlovy Vary; "CESTA VEN" ("La via d’uscita / The Way Out") di Petr Václav, è sul futuro impossibile di una giovane donna Rom e il divario fra ricchi e poveri nella Repubblica Ceca; "RISTTUULES" ("Dove s’incrociano i venti / In the Crosswind") dell'estone Martti Helde, che racconta di quando, nel 1941, decine di migliaia di persone in Estonia, Lettonia, Lituania, vennero deportate dalle loro case su ordine di Stalin, per epurare i Paesi Baltici (presentato al festival di Toronto). "DREVO" ("L’albero / The Tree") della slovena Sonja Prosenc, è la storia di un rifugio che si trasforma in prigione; "KOSAC" ("Il mietitore / The Reaper") di Zvonimir Jurić, una coproduzione Croazia – Slovenia, è stato presentato all’ultimo Festival di Toronto, e tratteggia tre storie che si svolgono in una notte e danno un quadro cupo della Croazia, paese ancora bloccato e condizionato dalla guerra. The Reaper ha vinto l’Arena d’oro per il miglior attore, il premio per il miglior attore non protagonista e la miglior fotografia al Festival di Pola 2014. "STO SPITI" ("A casa / At Home") del regista greco Athanasios Karanikounalas, infine, è una vicenda individuale che si staglia sullo sfondo della crisi economica, che ha vinto il Premio Ecumenico al Forum della Berlinale 2014. Fra i 19 CORTOMETRAGGI selezionati a concorrere al Premio TsFF Corti, c’è l'italiano "LA BI CI" di Giorgio Borgazzi ambientato in un hinterland milanese spettrale e ritratto spiazzante dell’Italia della crisi; dalla Serbia "MARIJINA EPIZODA" ("L’episodio di Maria") di Sanja Živković di cui è protagonista la grande attrice Milena Dravić e "DIVAN DAN ZA BANANARIBE" ("Un giorno ideale per i pescibanana") di Stefan Malešević su un reduce della guerra del Kosovo e liberamente ispirato al racconto omonimo di J.D. Salinger; dall’Ungheria "A KIVÉGZÉS" ("L’esecuzione") di Petra Szőcs, dove tre bambini mettono in scena l’esecuzione del dittatore rumeno Ceausescu. Quest’anno anche due eventi speciali-fuori concorso: "LOST IN BOSNIA" il primo film prodotto dalla film.factory - la scuola di cinema diretta dal grande regista ungherese Béla Tarr a Sarajevo - e diretto dagli 11 registi/allievi della scuola; e "LA RESTITUZIONE", il cortometraggio realizzato all’interno del laboratorio puriennale CAMERA DI SPECCHI che si è svolto tra Trieste e Momiano in Croazia ideato da Ivan BorMann e Fabio Toich dell’Associazione Drop Out. Anche quest'anno, si aggiunge una selezione non competitiva di 11 cortometraggi di animazione provenienti dai paesi dell’area, fra i quali segnaliamo dalla Polonia "HIPOPOTAMY" ("Ippopotami") di Piotr Dumała, uno fra i più importanti registi nel campo dell’animazione; dall’Italia "LA VALIGIA" di Pier Paolo Paganelli con la voce di Roberto Herlitzka, e "TRII MELODII" ("Tre melodie") del grande regista russo Garri Bardin di cui il festival aveva già presentato nel 2011 il lungometraggio di animazione Gadkij Utenok (Il brutto anatroccolo). Il Concorso Internazionale DOCUMENTARI propone 9 opere, provenienti dalle nazioni che fanno parte delle aree tradizionalmente investigate dal Festival. Tutte sono anteprime italiane, tranne "INTERNAT" del regista siciliano (trapiantato in Georgia) Maurilio Mangano, un'anteprima internazionale, che filma una riflessione sulla perdita forzata dei luoghi d'origine, tra famiglie di profughi georgiani scampate alla guerra d'Abcasia che risiedono nell'Internat (collegio), un’ex scuola occupata. "AL DOILEA JOC" ("La seconda partita / The Second Game"), di Corneliu Porumboiu, noto regista romeno spesso ospite del Trieste film Festival. Presentato al Forum dell'ultimo festival di Berlino, "AL DOILEA JOC" racconta di una partita di calcio, un derby tra le due squadre di Bucarest, Steaua e Dinamo, che ha avuto luogo il 3 dicembre 1988. Il padre del regista era l'arbitro. Insieme hanno riguardato la partita, 25 anni dopo. "GOLI" ("Isola Nuda / Naked Island") della regista croata Tiha K. Gudac è un'indagine costruita sulle rovine del passato, un mosaico di indizi, foto di famiglia e testimonianze intime di un gruppo di persone deportate nello stesso luogo, una prigione politica nella ex Jugoslavia conosciuta come “l'isola delle anime disperate” e sulle conseguenze che questo luogo ha lasciato su tre generazioni. L'inquietante trama di "KÁIN GYERMEKEI" ("I figli di Caino / Cain's Children") dell'ungherese Marcell Gerő ci porta a conoscere 3 ragazzi, 3 giovani assassini, la cui storia era stata raccontata in un documentario del 1984 vietato dalla censura, e che il regista va a cercare 30 anni dopo per scoprire segreti indicibili e un volto dell'Ungheria mai conosciuto prima. "CHICHO TONI, TRIMATA GLUPACI I DS" ("Zio Tony, i Tre Scemi e i servizi segreti / Uncle Tony, Three Fools and the Secret Service") di Mina Mileva e Vesela Kazakova (Bulgaria) è una storia su un'epoca di spionaggio e sull'eccezionale regista di animazione Antoni Trayanov, un caso scandaloso dietro una delle attività più note ed esportate del Socialismo, l'animazione, che ci svela una vicenda uMana straziante; mentre "KULLAKETRAJAD" ("Le filatrici d’oro / The Gold Spinners") di Kiur Aarma e Hardi Volmer (una produzione estone-finlandese) racconta della nascita, degli anni di gloria e della scomparsa dello studio cinematografico Eesti Reklaamfilm - l'unica azienda a produrre pubblicità in Unione Sovietica. "PĂDUREA" ("La foresta / The Forest"), una coproduzione RoMania – Serbia diretta da Siniša Dragin, una storia di spionaggio originata da un quadro (La foresta senza foglie) donato a Tito dal regime comunista rumeno nel 1947. Sulla vicenda un critico d'arte negli anni Sessanta intende scrivere una monografia, ma scoprirà imbarazzanti segreti. "SOMETHING BETTER TO COME" ("Qualcosa di meglio verrà") di Hanna Polak, segue per 20 anni la vita di Yula, che vive nella discarica più grande d'Europa, alla periferia di Mosca. Infine, "ZAMATOVÍ TERORISTI" ("Terroristi di velluto / Velvet Terrorists") di Pavol Pekarčík, Ivan Ostrochovský, Peter Kerekes è la storia di tre uomini che si sono impegnati nella resistenza armata contro il regime comunista in Cecoslovacchia, e che volevano diventare degli eroi. "ZAMATOVÍ TERORISTI", presentato ai festival di Karlovy Vary e di Berlino, è anche una delle opere di Born in Trieste, un omaggio del festival ai migliori film nati nell'ambito di WEMW. Tra i documentari, anche 3 importanti eventi speciali fuori concorso. "DEN’ POBEDY" ("Il giorno della vittoria / Victory Day") di Alina Rudnickaja, importante testimonianza anche politica, primo film totalmente indipendente (e clandestino) girato in Russia sulla questione gay. Nel 2013 la Duma ha approvato una legge contro l'omosessualità: mentre nelle strade sfila una parata militare, i personaggi sono chiusi nei loro appartamenti e raccontano di come la loro vita sia cambiata da quando la legge è in vigore. “Dopo gli ebrei e gli omosessuali”, dice uno di loro, “quello che Manca è una legge contro le streghe”. Da segnalare il folgorante lavoro collettivo "EVROMAIDAN. CHORNOVY MONTAZH" ("Euromaidan. Rough Cut"): un folto gruppo di giovani filmmaker ucraini ha affidato il materiale girato al regista RoMan Bondarchuk, che lo ha montato creando una serie di storie cinematografiche. Il risultato è un potente e dettagliato reportage sulla rivolta ucraina. Lo sloveno "ŽIVETI KAMEN" ("Pietra viva / Living Stone") di Jurij Gruden è una storia profonda e intima sul legame che esiste fra gli uomini che vivono sul Carso e la pietra carsica; La sezione ART & SOUND è organizzata in collaborazione con SkyArte. Saranno proiettati: K"ONTRAPUNKT" ("Contrappunto / Counterpoint") di Andrzej Papuziński che ci farà conoscere l'artista polacco Michał Batory, diventato famoso nel campo dei Manifesti artistici in Francia sin dagli anni '80; "MAGICKÝ HLAS REBELKY" ("La magica voce di una ribelle / The Magic Voice of a Rebel") di Olga Sommerová, una delle più importanti documentariste ceche, è la storia di Marta Kubišová, la cantante che divenne simbolo di libertà nella Cecoslovacchia comunista; "PEREKRESTOK" ("Incroci / Crossroads"), di Anastasija Mirošničenko è incentrato sulla vita di un artista senzatetto che vive in una stazione ferroviaria e per oltre 20 anni ha dipinto immagini nelle strade della città di Gomel, in Bielorussia; "ROCKS IN MY POCKETS" ("Sassi nelle mie tasche") della regista lettone (che vive a New York) Signe BauMane tenta di raccontare in modo divertente, in un lungometraggio realizzato con tecniche d'animazione miste ed originali passato al festival di Karlovy Vary, la sua vicenda personale, quella delle donne della sua famiglia e della loro battaglia con la malattia mentale. "V TICHU" ("In silenzio / In Silence") di Zdeněk Jiráský è una riflessione sull'incubo del dominio nazista in Slovacchia tra immagini reali, ricordi e fantasie, e sul potere della musica, una docu-fiction sulla vita di alcuni musicisti ebrei in Cecoslovacchia e in GerMania, che furono perseguitati durante l'Olocausto; infine "ŽIVAN PRAVI PANK FESTIVAL" ("Živan fa un festival punk / Živan Makes a Punk Festival") di Ognjen Glavonić è un ritratto di Živan, che organizza un festival di musica punk nel suo piccolo villaggio in Serbia e ci rimette sempre soldi, ma non demorde. Sky Arte HD, il primo canale televisivo italiano dedicato all’Arte in tutte le sue declinazioni e visibile ai canali 120 e 400 di Sky, sarà presente al Festival di Trieste con due produzioni originali che Manderà in onda nei mesi di gennaio e febbraio, "PIERO CIAMPI-POETA, ANARCHICO, MUSICISTA" e "PROG REVOLUTION". Il documentario "PIERO CIAMPI-POETA, ANARCHICO, MUSICISTA" è un ritratto del cantautore livornese a trentacinque anni dalla sua scomparsa, trasmesso in prima visione su Sky Arte HD lunedì 19 gennaio alle 22.10 e in programma al Festival venerdì 16 alle ore 22.30 in Sala Tripcovich. A parlare di lui c’è il cantautore Bobo Rondelli che dà vita a un racconto intimo di Ciampi, mentre cammina per le vie di Livorno, leggendo le sue interviste, le sue lettere d’amore, le sue poesie e le dichiarazioni rilasciate dal suo concittadino. La produzione originale di Sky Arte "PROG REVOLUTION" testimonia, attraverso i racconti dei protagonisti dell’epoca, la stagione d’oro del rock progressivo italiano, e sarà trasmesso in prima visione su Sky Arte HD mercoledì 18 febbraio alle 21.10 (al Festival sarà proiettato martedì 20 gennaio alle ore 20.15 al Teatro Miela). I protagonisti di "PROG REVOLUTION" sono i musicisti, gli artisti, i fotografi e i discografici che hanno fatto la storia del rock progressivo italiano e che con la loro creatività e il loro gusto per la sfida hanno cercato di cambiare il mondo attraverso la musica. Tra di loro, Mauro Pagani, oggi compositore e produttore discografico con alle spalle una ventennale collaborazione con Fabrizio De Andrè, la PFM di Franz di Cioccio, Franco Mussida e Patrick Djivas, Paolo Tòfani, che dopo l’esperienza con gli AREA ha seguito un percorso spirituale intenso e mai interrotto ed Eugenio Finardi, musicista e cantautore affermato che non ha mai perso la voglia di assecondare i movimenti di rinnovamento che lo hanno guidato sin dall’inizio della propria carriera. Questi saranno solo alcuni degli autorevoli narratori di un documentario che racconta una storia incredibile: quella della Milano negli anni in cui “tutto sembrava possibile”. La PFM e Bobo Rondelli saranno ospiti del festival. Anche quest'anno la sezione non competitiva SORPRESE DI GENERE ci porta ad allargare lo sguardo verso nuove tendenze "popolari" all'interno della produzione cinematografica dell'Europa Centrale e Orientale; film locali trasformati in successi al box office che incontrano un pubblico internazionale. 4 sono i titoli (anteprime italiane) che compongono la sezione: "SZABADESÉS" ("Caduta libera / Free Fall") dell'ungherese György Pálfi. 6 storie indipendenti e grottesche (Premio speciale della giuria, Miglior regia all’ultimo Festival di Karlovy Vary); la commedia "SPOMENIK MAJKLU DŽEKSONU" ("Il monumento a Michael Jackson / Monument to Michael Jackson") di Darko Lungulov, ambientato in una decadente cittadina serba in cui vecchio monumento dell’epoca comunista viene rimosso dalla piazza e c'è chi pensa (per amore) di sostituirlo con uno dedicato a Michael Jackson; DIE "WÄLDER SIND NOCH GRÜN" ("I boschi sono ancora verdi / The Woods Are Still Green") di Marko Naberšnik, una coproduzione Austria – Slovenia ambientata ai tempi (e nei luoghi, in Slovenia) della Prima Guerra Mondiale vista con lo sguardo dei nemici dell'Italia (l'ultima sequenza è girata nel museo di Caporetto, oggi Kobarid, in Slovenia). Ultimo film di SORPRESE DI GENERE sarà anche il film di chiusura del festival, "MIASTO 44" ("Varsavia 44 / Warsaw 44") di Jan Komasa (Polonia), la più imponente produzione del cinema polacco del 2014, una storia di amore, amicizia e avventura durante la brutale e sanguinosa rivolta di Varsavia del 1944. Tra le novità dell'edizione 2015 ci saranno le proiezioni dei film del LUX PRIZE. Il Premio Lux è nato nel 2007, a distanza di 50 anni dal Trattato di Roma, e viene assegnato annualmente dal Parlamento Europeo ad un film di produzione europea. Gli 87.000 euro assegnati al film vincitore sono destinati a sottotitolarlo in tutte e 23 le lingue ufficiali dell'Unione Europea e produrne una copia in pellicola per ogni Stato membro. Sarà possibile vedere al festival, al Cinema Miela 8 dei 10 film selezionati dal comitato del Premio: tra gli altri, "LE MERAVIGLIE" di Alice Rohrwacher (Italia/Svizzera/GerMania), "TURIST-FORCE MAJEURE" di Ruben Östlund (Svezia/Danimarca/Francia/Norvegia, candidato al Golden Globe 2015 come miglior film straniero), "BANDE DE FILLES" di Céline Sciamma (Francia); "FEHER ISTEN" (White God - Sinfonia per Hagen) di Kornél Mundruczó (Ungheria/GerMania/Svezia), che sarà nelle sale italiane (distribuito da Bolero film) da febbraio; e "IDA" (Polonia/Danimarca), il film che si è aggiudicato nei giorni scorsi il Lux Prize 2014. La storia della giovane orfana, diretta da Paweł Pawlikowski (che ha anche scritto il film con Rebecca Lenkiewicz) e ambientata negli anni Sessanta, ha letteralmente fatto incetta di premi, tra cui l'European film Award come miglior film, miglior regista, miglior sceneggiatura e miglior fotografia (a Justine Wright) e il premio FIPRESCI al festival di Toronto. IDA è candidato ai Golden Globe come miglior film straniero. Novità anche per un altro appuntamento di rilievo del TsFF: il PREMIO intitolato alla memoria di CORSO SALANI quest'anno cambia formula e coincide così con la selezione degli ITALIAN SCREENINGS, da sempre pensata non solo per il pubblico del festival, ma anche per quello dei professionisti internazionali accreditati a When East Meets West. I 5 titoli presentati non sono più, infatti, opere in corso di lavorazione, ma film già completati nel corso del 2014 e ancora in attesa di una distribuzione italiana e mondiale. La dotazione del Premio (2.000 €) va intesa quindi come incentivo alla diffusione nelle sale del film premiato. Ciò che resta immutato è il profilo della selezione stessa: opere indipendenti, non inquadrabili facilmente in generi o formati e per questo innovative o almeno totalmente contemporanee, nello spirito del cinema di Corso Salani. Si vedranno al festival "FRASTUONO" ("Uproar") di Davide Maldi, una riflessione sul potere della musica (in concorso all'ultima edizione del Torino film Festival), "PERÍ ANARCHÍAS" ("Sull’Anarchia / About Anarchy") di Bruno Bigoni, documentario che affronta attraverso molteplici aspetti le diverse forme dell’idea anarchica, "TOGLIATTI(GRAD)" di Federico Schiavi e Gian Piero Palombini, presentato a Torino, sulla costruzione (alla fine degli anni Sessanta) della gigantesca città-fabbrica di Togliatti, realizzata nel cuore della steppa russa in 36 mesi; "THE PERFECT CIRCLE" ("Il cerchio perfetto") di Claudia Tosi, un viaggio nelle storie dei malati terminali ricoverati in un hospice, presentato al Festival dei Popoli; e "SECONDA PRIMAVERA" ("Second Spring") di Francesco Calogero, un'anteprima assoluta, con Claudio Botosso, Desirée Noferini, Anita Kravos e Nino Frassica, che sarà ospite a Trieste. Saranno proiettati inoltre "IL MONDO DI NERMINA" ("Nermina’s World") di Vittoria Fiumi e "VOGLIO DORMIRE CON TE" ("I Wanna Sleep With You"), ancora in fase di lavorazione, vincitori delle ultime edizioni del Premio Salani, oltre a "LET’S GO" di Antonietta De Lillo, storia di Luca Musella, fotografo, operatore, scrittore, oggi “esodato” dal lavoro e dalla vita, finalista al Premio Salani 2014. L’edizione 2015 di WHEN EAST MEETS WEST prevede tre giorni dedicati a produttori, broadcasters, sales agents, distributori, fondi regionali provenienti da Italia, Europa dell’Est e da una singola regione in focus diversa ad ogni edizione. Quest’anno è la volta dei Paesi anglofoni: UK, Irlanda, Canada e USA. L’obiettivo è quello di dare vita ad un appuntamento capace di creare un forte legame tra le diverse aree coinvolte. Attraverso tavole rotonde, masterclass e case-study, si riuniscono a Trieste professionisti di diversi Paesi, rendendo così il Friuli Venezia Giulia un punto di riferimento per i produttori dell’Est Europa che vogliono avviare collaborazioni con imprese occidentali, e viceversa. Al programma tradizionale sono stati aggiunti due nuovi spazi: First Cut Lab, un laboratorio dedicato ai film di fiction in fase di edizione, e Last Stop Trieste, una preziosa occasione per presentare documentari in avanzata fase di montaggio a un ristretto pubblico di sales agents, responsabili di festival, rappresentanti di broadcaster. E nel programma del Festival ora c’è anche Born in Trieste, una sezione dedicata ai film che negli scorsi anni avevano iniziato il loro percorso produttivo a WEMW, tra i quali "HROSS Í OSS" ("Storie di cavalli e di uomini / Of Horses and Men") di Benedikt Erlingsson, una storia d’amore di campagna sul legame che unisce uomo e cavallo. Non Manca l’ironia in questo ritratto (affettuoso e al tempo stesso rigoroso) di una comunità che abita in una valle isolata. Ovviamente dal punto di vista dei cavalli. "POSLEDNATA LINEIKA NA SOFIA" ("L’ultima ambulanza di Sofia / Sofia’s Last Ambulance") di Ilian Metev è ambientato a Sofia, Bulgaria. In una città dove ci sono solo 13 ambulanze che faticano a servire diversi milioni di persone, tre paramedici, devono affrontare situazioni kafkiane. Poslednata lineika na Sofia è stato presentato a Cannes alla Semaine de la Critique nel 2012 e ha vinto il premio come Miglior Documentario al Festival di Karlovy Vary dello stesso anno. Il programma del Trieste film Festival, come sempre, include numerosi EVENTI SPECIALI di rilievo: come il film del Maestro del cinema polacco Krzysztof Zanussi, "OBCE CIAŁO" ("Corpo estraneo / Foreign Body") e "TIGERS" ("Tigri"), anteprime italiane. "TIGERS" è l'ultimo film del premio Oscar Danis Tanović, ispirato ad una storia vera, incentrato su un giovane venditore che scopre i terribili effetti collaterali del latte in polvere che sta commerciando. L'acclamato "PLEMYA" (La" tribù / The Tribe") di Myroslav Slaboshpytskiy ha vinto il Gran Premio della SettiMana della Critica al Festival di Cannes 2014 e racconta di un adolescente sordomuto che entra in una scuola specializzata, dove per sopravvivere deve diventare parte di una spietata organizzazione, la Tribù. "LES PONTS DE SARAJEVO" ("I ponti di Sarajevo / Bridges of Sarajevo") è un film in cui 13 registi europei affrontano il tema di Sarajevo, ciò che questa città ha rappresentato nella storia europea nel corso degli ultimi cento anni, e ciò che rappresenta oggi in Europa. Tra loro, Jean-Luc Godard, Aida Begić, Sergej Loznica, Cristi Puiu, Teresa Villaverde e gli italiani Leonardo Di Costanzo, e Vincenzo Marra. "SEDMIKRÁSKY" ("Margheritine / Daisies") è un omaggio del festival a Věra Chytilová (scomparsa nel marzo scorso) attraverso uno dei film chiave della Nová Vlna ceca. "KAJ PA MOJCA?" ("Che ne pensi di Mojca? / What About Mojca?") di Urša Menart è un film sulle eroine, sul ruolo e la rappresentazione delle donne nel cinema sloveno, in una edizione del TsFF contraddistinta da una forte presenza del cinema sloveno. C'è poi "IL VIAGGIO DI MARCO CAVALLO" ("Marco Cavallo’s Trip"), della triestina Erika Rossi che lo ha diretto insieme a Giuseppe Tedeschi: Marco Cavallo, simbolo del desiderio di libertà e della lotta per i diritti di tutti gli internati, si rimette in viaggio attraverso gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari d'Italia. 13 giorni, 4418 km e 16 città per ricordare alla società che il folle che ha commesso un crimine, è anche un uomo bisognoso di cure. La seconda edizione di EASTWEEK, il workshop internazionale di sceneggiatura dedicato allo sviluppo di soggetti cinematografici, si conferma un Talent Campus unico. Organizzato da Alpe Adria Cinema e nato dagli scambi del Trieste film Festival con le Scuole e le Accademie di Cinema dell’Europa centro orientale e dall’esperienza nei percorsi formativi del Premio Internazionale per la Sceneggiatura Mattador dedicato a Matteo Caenazzo, il workshop ha l’obiettivo principale di sviluppare, nella delicata fase di scrittura del soggetto cinematografico, i progetti selezionati attraverso lavori di gruppo con i trainer Nicos Panayotopoulos e Pavel Jech, masterclass e case studies. Realizzato con il sostegno dell’InCE – Iniziativa Centro Europea (CEI) e in partnership con Midpoint Central European Script Center, Eastweek è aperto ai finalisti per il miglior soggetto del Premio Mattador, a tutti gli studenti delle Scuole e delle Accademie di Cinema dell’Europa centro orientale e anche ai loro giovani diplomati. Inaugurata lo scorso anno, torna la giornata di cinema (domenica 18) corredata da un pit stop gastronomico. In Sala Tripcovich verrà proiettato l'immortale "DOCTOR ZHIVAGO" ("Il dottor Zivago") di David Lean, dopo 50 anni ancora appassionante. Dal roManzo di Boris Pasternak, il film con Omar Sharif e Julie Christie (che vinse 5 Oscar) copre gli anni precedenti, durante e successivi alla Rivoluzione Russa, visti attraverso gli occhi del poeta e medico Jurij Zivago. Tra la prima e la seconda parte del film "CINEMA BRUNCH": specialità dolci e salate presso il bar della Sala. Tra i numerosi eventi collaterali del festival, anche la presentazione dei libri DRAMMATURGIA DEL CINEMA DOCUMENTARIO di Lorenzo Hendel, LA MIA AUTOBIOGRAFIA (70% VERA 80% FALSA) di Nino Frassica, ARMONIE CONTRO IL GIORNO: IL CINEMA DI BÉLA TARR di Marco Grosoli, tutti all'Antico Caffè San Marco. Torna la passeggiata cinematografica a cura di Nicola Falcinella, un modo diverso di visitare la città, e insieme una chiave differente per scoprire o ripercorrere la storia del cinema; e tornano a Trieste anche Gloria De Antoni e Oreste De Fornari, con la conversazione Angeli su Miramare. Al Teatro Miela il 21 gennaio la perforMance "PAVANA ZA ANTIGONO" ("Pavana per Antigone"), un caleidoscopio di confessioni intime di un’artista, della regista slovena Hanna Preuss. La sigla del Trieste film Festival 2015 è di "Ivan BorMann", autore triestino (di cui il festival nel 2010 ha presentato "SCONFINATO. STORIA DI EMILIO"). Una ragazza che somiglia ad Alice nel Paese delle Meraviglie sta passeggiando lungo un confine misterioso, quando si imbatte in un'enorme chiave: all'improvviso scivola dentro ad un pozzo e poi si ritrova in un prato... musiche di Teho Teardo.

Fonte » www.cinemaitaliano.info - 11/01/2015 00:12


[152200] Trieste Film Festival Announces Lineup


Ralph Fiennes' new film 'Two Women' will open the festread more

Fonte » www.hollywoodreporter.com - 11/01/2015 00:10


[152047] 65° Festival di Berlino: Nobody Wants the Night di Isabelle Coixet aprirà la Berlinale 2015

Juliette Binoche protagonista della pellicola ambientata in Groenlandia nel 1908

Fonte » www.bestmovie.it - 10/01/2015 00:12


[152035] Festival di Berlino: apre Nobody Wants The Night di Isabel Coixet

Festival di Berlino: apre Nobody Wants The Night di Isabel Coixet Sarà Nobody Wants The Night di Isabel Coixet ad aprire il prossimo festival di Berlino. La pellicola, selezionata inoltre per competere per l?orso d?oro, verrà proiettata in anteprima mondiale a seguito della cerimonia di apertura della kermesse il prossimo 5 Febbraio. Il film,una co-produzione francese, spagnola e bulgara, pare ispirato a fatti realmente accaduti e sarà focalizzato sulle vicissitudini di donne coraggiose e uomini ambiziosi pronti a rischiare tutto per la gloria. Interpretato da Juliette Binoche, Rinko Kikuchi (Babel) e Gabriel Byrne, il lungometraggio è già stato definito da Dieter Kosslick, direttore della Berlinale, come ?un ritratto sorprendente e perspicace di donne forti in condizioni estreme ?. Per la Coixet l?evento non è che il coronamento di un lungo sodalizio tra il festival e la regista spagnola: membro della giuria internazionale nel 2009, la cineasta vanta inoltre ben sei pellicole presentate nel corso delle ultime edizioni quali My Life Without Me (2003) e Elegy (2008). Grand Budapest Hotel, film di apertura della scorsa edizione, oltre che uno dei maggiori successi di critica e pubblico dell?anno passato, si è ritrovato staMane con ben 11 nomination ai prestigiosi premi  BAFTA, auguriamo a Isabel Coixet il medesimo successo. Cinefilos.it - Da chi il cinema lo ama.

Fonte » www.rssnews.it - 10/01/2015 00:12


[152011] Nobody wants the night di Isabel Coixet aprirà il Festival di Berlino 2015

Isabel Coixet aprirà il concorso del prossimo Festival di Berlino con Nobody wants the night. La pellicola diretta dalla regista spagnola è ambientata nella gelida Groenlandia e interpretata da Juliette Binoche, Rinko Kikuchi e Gabriel Byrne. Girato tra Bulgaria, Norvegia e Spagna, il film è un viaggio attraverso le esperienze di due donne ed entrambe [...]

Fonte » cinema-tv.guidone.it - 10/01/2015 00:12


[151931] Berlino 2015: la Binoche apre il festival con Nobody Wants the Night

Le star Juliette Binoche, Gabriel Byrne e Rinko Kikuchi inaugureranno la Berlinale col film di Isabel Coixet.


Fonte » www.movieplayer.it - 10/01/2015 00:09


[151707] Santa Barbara Film Fest Unveils Lineup


Starring Kevin Costner, Disney's 'McFarland USA' will close the 30th international film festread more




Fonte » www.hollywoodreporter.com - 09/01/2015 00:09


[151556] Rotterdam: Lineup for Bright Future and Spectrum Sections


The 2015 program includes some 22 world premieresread more




Fonte » www.hollywoodreporter.com - 08/01/2015 00:11


[151337] Geena Davis, ARC Entertainment to Launch Film Festival in Bentonville, Ark.


The festival will be the first and only film competition in the world to offer guaranteed theatrical, TV, digital and retail home entertainment distribution for its winnersread more




Fonte » www.hollywoodreporter.com - 07/01/2015 00:12


[151336] Luc Besson to Chair Beijing International Film Festival Jury in April


The French director is a name to conjure with in China after the success of his thriller 'Lucy'read more

Fonte » www.hollywoodreporter.com - 07/01/2015 00:12


[151335] Casting Society Unveils Artios Awards Film Nominees


The 30th annual awards ceremony will be held on Jan. 22 in New York and Los Angelesread more

Fonte » www.hollywoodreporter.com - 07/01/2015 00:12


[150891] Al Trieste Film Festival 2015 i film del Lux Prize

[150891] Al Trieste Film Festival 2015 i film del Lux Prize | Film Updatell prossimo Trieste film Festival, il più importante appuntamento con il cinema dell'Europa Centro Orientale, si terrà dal 16 al 22 gennaio 2015. Forte anche del successo dell'affollata edizione 2014, la rassegna recupera un giorno e la programmazione si amplia. Tra le novità dell'edizione 2015 (la ventiseiesima), diretta da Annamaria Percavassi e Fabrizio Grosoli, ci saranno le proiezioni dei film del Lux Prize. Il Premio Lux è nato nel 2007, a distanza di 50 anni dal Trattato di Roma, e viene assegnato annualmente dal Parlamento Europeo ad un film di produzione europea. Gli 87.000 euro assegnati al film vincitore sono destinati a sottotitolarlo in tutte e 23 le lingue ufficiali dell'Unione Europea e produrne una copia in pellicola per ogni Stato membro. Sarà possibile vedere al festival 8 dei 10 film selezionati dal comitato del Premio: al Cinema Miela (una delle sale del festival con la Sala Tripcovich) ci saranno ad esempio "Le meraviglie" di Alice Rohrwacher (Italia/Svizzera/GerMania), "Turist-Force Majeure" di Ruben Östlund (Svezia/Danimarca/Francia/Norvegia, candidato al Golden Globe 2015 come miglior film straniero), "Bande de filles" di Céline Sciamma (Francia) e "Ida" (Polonia/Danimarca), il film che si è aggiudicato nei giorni scorsi il Lux Prize 2014. La storia della giovane orfana, diretta da Paweł Pawlikowski (che ha anche scritto il film con Rebecca Lenkiewicz) e ambientata negli anni Sessanta, ha letteralmente fatto incetta di premi, tra cui l'European film Award come miglior film, miglior regista, miglior sceneggiatura e miglior fotografia (a Justine Wright) e il premio FIPRESCI al festival di Toronto. "IDA" è candidato ai Golden Globe come miglior film straniero.

Fonte » www.cinemaitaliano.info - 04/01/2015 00:13


[150722] Torna il Sundance Film Festival, incontro di cinema indipendente e internazionale

Ritorna il Sundance film Festival, dedicato al cinema indipendente, che apre il nuovo anno cinematografico. La rassegna che si svolge a Park City nello Utah dal 22 gennaio al 1° febbraio, vanta nella sua storia nomi di grandi registi, allora alle prime armi, su tutti Quentin Tarantino e Steven Soderbergh. La giuria composta da produttori, […] L'articolo Torna il Sundance film Festival, incontro di cinema indipendente e internazionale è su Mister Movie.

Fonte » www.mistermovie.it - 03/01/2015 00:10


[150372] I vincitori della nona edizione del Festival del Cinema Invisibile - Lecce Film Festival

[150372] I vincitori della nona edizione del Festival del Cinema Invisibile - Lecce Film Festival | Film UpdateEmozioni, riflessioni e tanto divertimento nella nona edizione del Lecce film Fest. Il Festival del Cinema Invisibile, nella sua nuova veste internazionale, ha rappresentato uno dei momenti d’incontro più importanti tra il cinema indipendente e la città di Lecce e lo ha diMostrato l’inattesa partecipazione di un pubblico entusiasta che ha affollato platea e palchi del Teatro Paisiello. Gli spettatori hanno apprezzato la proposta cinematografica diversificata per generi e tematiche, improntata -per impegno della direzione artistica- sull’alta qualità delle pellicole e la vivacità intellettuale degli ospiti partecipanti: i giornalisti Franco Farina e Gabriele De Blasi, puntuali e provocatori, il Prof. Cosimo Lorè con una conferenza dotta e brillante, accompagnato dal clarinettista Salvatore Coppola, il regista Francesco G. Raganato che ha illustrato alcuni suoi lavori con la professionalità e la sensibilità che lo contraddistinguono, l’attore Ignazio Oliva, intervenuto con generosità. Giurato d’eccezione e ospite principale per il focus “Rockemilia Indipendente”, Max Collini degli Offlaga Disco Pax, testimone e protagonista della scena musicale italiana e ironico affabulatore. Tanti i filmmakers presenti a Lecce, giunti da diverse parti d’Europa per raccontare la genesi dei loro lavori e per rispondere alle doMande degli spettatori. Particolarmente apprezzate le pellicole fuori concorso “Class enemy” di Roy Bicek, “Fedele alla linea” di Gennaro Maccioni e “Freakbeat” di Luca Pastore, tutte proiettate per la prima volta nel capoluogo salentino. Tra documentari, film, corti e lungometraggi, molti in anteprima nazionale, le cinquantatre opere in concorso hanno reso particolarmente ardua la decisione della giuria chiamata ad assegnare il montepremi in denaro. La vittoria, sino all’ultimo contesa, è andata a “37°4 S”, produzione francese scritta e diretta dal regista italiano Adriano Valerio. Il cortometraggio, già vincitore del David di Donatello 2014 e menzione della giuria al Festival di Cannes, è un intenso ritratto minimalista di due adolescenti, ambientato in un luogo quasi fuori dal tempo: Tristan da Cunha, piccola isola situata nel mezzo dell’Oceano Atlantico. Da rilevare poi, le diverse menzioni speciali: per la regia ancora la Francia di “Chaque jour est une petite vie (Ogni giorno è una vita in miniatura)” diretto da Lou-Brice Léonard e Albane Fioretti; per la sceneggiatura il divertentissimo mediometraggio svedese “Mousse” di John Hellberg; per la fotografia il documentario intimista “America” di Alessandro Stevanon; per il montaggio la commedia roMantica “(Des)encontros” dell’italo-brasiliano Rodrigo Bernardo; per l’interpretazione la prorompente Millitsa Gladnishka, attrice del cortometraggio bulgaro “Janne for love” di Vilma Kartalska e Radko Savov. Il premio AncheCinema è andato a “Onda anomala. Un colpo al sole” di Fabio Pompili Rossini e Antonio Parisiani che portano a casa un contratto di distribuzione del film attraverso un’innovativa applicazione per smartphone e android; il Premio Scuola è stato assegnato dagli studenti del Liceo Artistico “G. Chierici” di Reggio Emilia allo spagnolo “Mi ojo derecho” di Josecho De Linares mentre il “Premio Cineclub”, attribuito dalla direzione artistica, al controverso “H24 Poliziotti allo specchio” di Raffaele Manco. L’iniziativa è stata organizzata dal Cineclub Fiori di Fuoco e dall’Unione Italiana Circoli del Cinema con il patrocinio e il contributo del Mibac – Direzione Generale Cinema e la collaborazione di Astragali Teatro. L’ideazione e la direzione artistica e organizzativa sono di Nicola Neto e Ornella Striani.

Fonte » www.cinemaitaliano.info - 31/12/2014 00:12


[149785] Due film italiani al Palm Springs International Film Festival 2015

[149785] Due film italiani al Palm Springs International Film Festival 2015 | Film Update"Il Capitale UMano" di Paolo Virzì nella competizione Awards Buzz e "Smetto Quando Voglio" di Sydney Sibilia nella sezione World Cinema Now sono i film italiani selezionati alla ventiseiesima edizione del Palm Springs International film Festival, in programma dal 2 al 12 gennaio 2014.

Fonte » www.cinemaitaliano.info - 28/12/2014 00:12


[149695] Analisi Auditel - La Tv della serata della Vigilia di Natale: La Santa Messa di Natale fra Natale a Castebury Hall ed Il Festival del Circo di Montecarlo

La Santa Messa della notte di Natale celebrata da Sua Santità Papa Francesco è stata la proposta televisiva per la serata della vigilia di Natale, mercoledì 24 dicembre 2014 della prima rete del[...]






Fonte » www.tvblog.it - 28/12/2014 00:09


[149307] Natale 2014 e Capodanno 2015, su Rai 3 il 38° Festival del Circo di Montecarlo

Vigilia di Natale e San Silvestro con il Circo di Montecarlo su Rai 3. Il Festival del Circo di Montecarlo torna su Rai 3 per la vigilia di Natale e nel prime time del 31 dicembre 2014. La rete di[...]






Fonte » www.tvblog.it - 25/12/2014 00:09


< Indietro Inizio ... 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 ... 164 Fine Avanti >

Cerca

Più visti della settimana

  1. [163832] Zanetti Story
  2. [163452] All’UCI Cinemas arriva Zanetti Story [163452] All’UCI Cinemas arriva Zanetti Story
  3. [162967] The Search: il nuovo video L’orrore della guerra
  4. [163100] La parodia di The Jackal, Birdman come Gomorra [163100] La parodia di The Jackal, Birdman come Gomorra
  5. [163587] Le Iene, 26 febbraio 2015: Aiutiamo Clorinda a tornare libera, diretta
  6. [162996] Lorenzo 2015 CC: Esce oggi il nuovo album di Jovanotti
  7. [162927] Switched At Birth 4×08: anticipazioni, foto e video
  8. [163386] Spongebob ? Fuori dall?Acqua
  9. [163355] The Gunman: il trailer del nuovo film con Sean Penn
  10. [163394] Fronte del palco, Elio e le Storie Tese ospiti di Simone Annicchiarico

TAGS

» Vedi tutti i TAGS di Film Update

Cerca per giorno

 

Fonti

» Vedi tutte le fonti di Film Update

Condividi